Augusto

Roma, Museo Nazionale Romano sede di Palazzo Massimo, Augusto capite velato da via Labicana, particolare (mostra "Augusto")
Genere
Tematico
Data inizio
18/10/2013
Data fine
09/02/2014
Luogo
Roma
Sede
Scuderie del Quirinale

Curatori

progetto di Eugenio La Rocca
a cura di Eugenio La Rocca, Claudio Parisi Presicce, Annalisa Lo Monaco, Cécile Giroire, Daniel Roger

Progetto scientifico

Roma, Museo Nazionale Romano sede di Palazzo Massimo, Augusto capite velato da via LabicanaNove Soprintendenze per i beni archeologici hanno prestato, insieme ad altre istituzioni italiane e straniere, proprie opere per la realizzazione della mostra “Augusto”. Organizzata in vista del bimillenario della morte (19 agosto 14 d.C.) del fondatore dell’Impero, la mostra sarà a Roma, alle Scuderie del Quirinale, per poi trasferirsi, con alcune modifiche, al Grand Palais di Parigi.

 

 

Roma, Museo Nazionale Romano, sede di Palazzo Massimo: Augusto capite velato come Pontefice Massimo (da via Labicana).

 

 

Ovviamente le Soprintendenze Speciali di Roma e di Napoli e Pompei, con le collezioni più rappresentative per quanto riguarda i luoghi centrali augustei, ma anche quelle di Lazio, Etruria meridionale, Toscana, Umbria, Marche, Veneto e Piemonte, hanno fornito alcuni dei “punti forti” della mostra.

Così recita il comunicato stampa: “Fulcro visivo della mostra sono le celeberrime statue di Augusto, riunite per la prima volta insieme: l'Augusto pontefice massimo da via Labicana conservato al Museo Nazionale Romano, e l'Augusto di Prima Porta dei Musei Vaticani. Quest'ultima scultura è accostata al suo modello classico, il celeberrimo Doriforo del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, canone per eccellenza della perfezione scultorea di età classica. Proveniente da Atene e per la prima volta in Italia, è inoltre possibile ammirare parte della statua equestre in bronzo dell'imperatore restituita dal mar Egeo, mentre proviene da Meroe (Nubia, Egitto) lo splendido ritratto bronzeo del British Museum.

Napoli, Museo Archeologico Nazionale, Doriforo, copia da Policleto

Ad evocare il fiorire dell'età dell'oro spiccano per importanza e bellezza i cosiddetti rilievi Grimani, raffiguranti animali selvatici intenti ad allattare i propri cuccioli, eccezionalmente riuniti dalle attuali ubicazioni (il Kunsthistorisches Museum di Vienna e il Museo di Palestrina), e il gruppo frontonale dei Niobidi, originale greco riallestito in età augustea negli horti Sallustiania Roma, qui ricomposto accostando le due statue della Ny Carlsberg Glyptotek di Copenhagen alla statua di fanciulla ferita conservata al Museo Nazionale Romano.

 

 

Napoli, Museo Archeologico Nazionale: statua di doriforo, copia da Policleto

 

 

Ai gruppi scultorei, espressione di una nuova classicità, si affiancano eccelsi documenti dell'arte decorativa come una nutrita selezione dal tesoro degli argenti di Boscoreale, eccezionalmente prestato dal Museo del Louvre di Parigi, e magistrali rappresentazioni del potere delle immagini nel mondo antico come i preziosissimi cammei di Londra, Vienna e del Metropolitan di New York, utilizzati in qualità di dono personale da parte dei membri della famiglia imperiale.

Roma, Museo Nazionale Romano sede di Palazzo Massimo, Niobide ferita

A conclusione della mostra, l'inedita ricostruzione di 11 rilievi, oggi divisi tra la Spagna e l'Ungheria, dell'edificio pubblico eretto originariamente in Campania in memoria di Augusto dopo la sua morte, e dove vi è narrato, con grande efficacia, uno scontro navale della battaglia di Azio, che nel 31 a.C. mise fine alla guerra civile tra Ottaviano e Marco Antonio aprendo la strada al definitivo trionfo del princeps.”

 

 

Roma, Museo Nazionale Romano, sede di Palazzo Massimo: Niobide ferita

 

 

La figura di Ottaviano Augusto e la sua azione politica determinano il divenire di una nuova epoca storica. Attraverso un’accorta propaganda, giocata anche attraverso il potere delle immagini, seppe comunicare chiari messaggi di un cambiamento rispetto al lungo periodo sanguinoso che era stato conseguenza della crisi della Repubblica, facendo leva sui valori legati ai concetti di pax, pietas, concordia. Nei quaranta e più anni del suo principato, il più lungo della storia di Roma, lo stato si espanse a tutto il bacino del Mediterraneo, dalla Spagna alla Turchia, al Maghreb, alla Germania. Il Saeculum Augustum, cantato da poeti ed intellettuali, resta per eccellenza un’era presentata come contraddistinta da pace, prosperità e abbondanza.

 

Sperlonga (LT), Museo Archeologico Nazionale, Testa di UlissePalestrina (RM). Museo Nazionale Archeologico, rilievo con cinghialessa, dalla collezione GrimaniSperlonga (LT), Museo Archeologico Nazionale: testa di Ulisse

 

 

 

 

Palestrina (RM), Museo Archeologico Nazionale: rilievo con cinghialessa, dalla collezione Grimani

Orario

Dalla domenica al giovedì dalle ore 10:00 alle 20:00.
Venerdì e sabato dalle ore 10:00 alle 22:30.
L'ingresso è consentito fino a un’ora prima dell’orario di chiusura

Biglietti

Intero € 12,00
Ridotto € 9,50
Per le riduzioni e altre informazioni, consultare il sito web indicato.

Servizi

Consultare il sito web indicato.

Contatti

Indirizzo
Via XXIV Maggio, 16
Telefono
Informazioni, prenotazioni, visite guidate e laboratorio d'arte
Tel. 06 39967500

Informazioni e prenotazioni per le scuole
Tel. 06 39967200
Sito web
http://www.scuderiequirinale.it/categorie/mostra-augusto-roma