Bianco conventuale. I servizi da mensa nel complesso conventuale di San Francesco a Lucca tra Quattrocento e Cinquecento

Lucca. Mostra "Bianco conventuale": maiolica recante monogramma bernardiniano
Genere
Tematico
Data inizio
06/07/2013
Data fine
04/10/2013
Luogo
Lucca
Sede
Complesso conventuale di San Francesco

Curatori

Giulio Ciampoltrini, Consuelo Spataro

Progetto scientifico

Lucca. Mostra Il recupero funzionale del complesso conventuale di San Francesco a Lucca, condotto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, ha comportato lo scavo estensivo dell’area, e l’acquisizione di una massa imponente di dati sulla storia e sulla vita quotidiana del convento francescano, dal Duecento ai giorni nostri. D’intesa con la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, il progetto ha previsto la realizzazione di uno spazio espositivo, progettato dall’arch. Stefano Dini, negli ambienti adiacenti all’abside della chiesa, che accoglieranno un’organica presentazione dei risultati degli scavi, conclusi appena nel giugno 2013, dopo quattro anni di continuo impegno.

Per l’apertura al pubblico del complesso, ancora in sinergia tra Soprintendenza e Fondazione, è stata allestita in questi ambienti una mostra temporanea, che illustra uno – e forse uno dei più emozionanti – momenti della vita dell’istituzione francescana che trovano nel dato archeologico una vivida attestazione.

L’arrivo degli Osservanti, nel 1454, fortemente voluto dalla società lucchese, è infatti un momento nodale nella storia del convento, e si riflette in un rinnovamento delle strutture  che è stato confermato anche dall’indagine archeologica.

Lucca. Mostra L’immagine certamente più nitida, nell’indicatore archeologico, del loro arrivo, è disegnata dai livellamenti delle fosse aperte nel chiostro occidentale del complesso, in cui vennero scaricati a più riprese gli scarti d’uso formati nei decenni a cavallo fra Quattrocento e Cinquecento con le ceramiche finite in frammenti nella pratica della mensa: piatti di medie e grandi dimensioni con decorazione graffita o in maiolica, e, soprattutto, una massa di piattelli e scodelle in rigorosa monocromia bianca, per le dotazioni individuali della mensa. Il rigore della monocromia è appena interrotto, dall’improvvisazione del vasaio, con il monogramma bernardiniano – il ‘Gesù’, nella terminologia del tempo – tracciato in lettere corsiveggianti da veloci pennellate in nero, trasferendo così sulla tavola il richiamo affidato al rilievo che ancora spicca sull’architrave della porta d’accesso al refettorio.

‘Bianco conventuale’ è il termine che si è voluto usare per designare questa peculiare scelta, che esalta la sobrietà e il rigore degli Osservanti.

Lucca. Mostra

Biglietti

ingresso gratuito

Catalogo

Bianco conventuale. I servizi da mensa del San Francesco di Lucca fra XV e XVI secolo, a cura di Giulio Ciampoltrini, con contributi di Giulio Ciampoltrini, Alessandro Giannoni, Consuelo Spataro, PubliEd Editore, Lucca 2013.

Ufficio stampa

comunicazione@fondazionecarilucca.it

Contatti

Indirizzo

Piazza San Francesco

Telefono

Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, +39.0583472611