Natura, Archeologia e Storia del Pulo di Molfetta

Pulo di Molfetta - Fig. 1
Genere
Tematico
Data inizio
25/11/2012
Data fine
25/11/2013
Luogo
Molfetta
Sede
Museo Civico Archeologico del Pulo di Molfetta

Curatori

Francesca Radina

Progetto scientifico

Con la mostra si è inaugurato (fig. 1, in alto nella scheda, ingrandibile) il Museo Civico di Molfetta, dedicato all'importante sito archeologico del Pulo.

Il percorso è  stato progettato con il preciso intento di offrire a chi ha già visitato i luoghi un quadro esauriente della complessità di aspetti naturalistici, archeologici e storici che la dolina riassume in sé, in particolare per le fasi del Neolitico. Mentre è completamente tornata a vista la fabbrica borbonica della nitriera sul fondo della dolina (fig. 2), dell'insediamento neolitico (VI -IV millennio a.C.) sul posto non sono apprezzabili per varie ragioni grandi tracce, se non nella stratigrafia e nelle strutture del cosiddetto saggio A, alle pendici settentrionali della dolina, nel cosiddetto fondo Azzollini (fig. 3). Era quindi indispensabile ricostruire a grandi linee nel Museo soprattutto il contesto neolitico attraverso una campionatura di reperti, calchi e ricostruzioni dall'abitato neolitico, per farne comprendere l'importanza nel quadro della neolitizzazione dell'Italia meridionale.

Il percorso espositivo della mostra, che ha visto il contributo di Iole Caramuta, Italo Muntoni, Mariella Cioce, Girolamo Fiorentino, Francesco Sanseverino e Sabrina Spadavecchia, si snoda elegantemente tra piano terra e primo piano: i reperti, selezionati tra i tanti sulla base di criteri crono-tipologici (figg. 4-5), sono collocati in teche in legno appositamente progettate in funzione dell'esiguità degli spazi della Casina Cappelluti (fig. 6), storica dimora di campagna adattata a sede museale (progettisti G. Picca, A. Conte, D. Catalano, A. Pappadà), cui si affiancano didascalie e pannelli illustrativi arricchiti da disegni, ricostruzioni e riproduzioni con taglio prevalentemente didattico ( fig. 7). La prima sezione è dedicata alla descrizione del profilo geologico e ambientale dei luoghi, la seconda alla fase di impianto della nitriera settecentesca per la produzione della polvere da sparo; di qui, attraverso una scala del tempo, si scende nella Preistoria, nel Neolitico, nelle sezioni dedicate all'abitato, all'economia, alle produzioni artigianali, al mondo ideologico e agli aspetti funerari. Chiude il percorso un cenno alle fasi di vita del Pulo durante l'età dei metalli (III e II millennio a.C.).

Pulo di Molfetta - Fig. 2

Fig. 2 - Panoramica della dolina, sul fondo le architetture della nitriera borbonica, la cosiddetta III tettoia.

 

Pulo di Molfetta - Fig. 3

Fig. 3 - Il grande muro neolitico, saggio A, Fondo Azzollini.

 

Pulo di Molfetta - Fig. 4

Fig. 4 - Ceramica impressa tipo Molfetta (VI millennio a.C.), dal  Fondo Azzollini, saggio A, livelli di base

 

Pulo di Molfetta - Fig. 5

Fig. 5 - Ceramica dipinta Serra d'Alto (seconda metà del V millennio a.C ), dal fondo della dolina

 

Pulo di Molfetta - Fig. 6

Fig. 6 - Prospetto del Museo Civico Archeologico del Pulo di Molfetta

 

Molfetta (BA), Museo civico del Pulo: una parte dell'allestimento

Fig. 7 – Veduta dell’allestimento del Museo Civico Archeologico del Pulo di Molfetta


Catalogo

Natura, Archeologia e Storia del Pulo di Molfetta, Molfetta 2012.

Contatti

Indirizzo

via Mayer

Molfetta

Telefono

080 3388067

Documenti da scaricare