Archeologia cameranense da Andrea Fazioli a Delia Lollini e oltre

Archeologia cameranese
Genere
Topografico
Data inizio
23/12/2010
Data fine
25/04/2011
Luogo
Camerano (AN)
Sede
Chiesa comunale di San Francesco

Curatori

Maurizio Landolfi

Promotori: Comune di Camerano

Progetto scientifico

Nell’immediato hinterland del Conero, posta sul versante sud-occidentale di quest’ultimo, tra Ancona e Numana, Camerano occupa una privilegiata sede di altezza (m. 231 s.l.m.) a controllo di un fertile distretto agricolo e di uno snodo viario strategico di grande importanza, coincidenti con la modesta, per estensione, valle dell’Aspio. Le prime notizie di significative presenze archeologiche a Camerano risalgono agli inizi del secolo passato. Due spade di ferro di tipo celtico (La Tène) con relativi foderi furono acquisite nelle collezioni del Museo Archeologico di Ancona nel 1904, grazie ad una donazione del conte Fazioli che, a seguito di rinvenimenti fortuiti, ne era venuto in possesso. Altri ritrovamenti occasionali, in parte andati dispersi e in gran parte recuperati in anni recentissimi grazie all’azione dei carabinieri del nucleo di tutela patrimonio culturale di Ancona, hanno determinato, a partire dal 1973, l’intervento della Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Marche di Ancona che ha avviato regolari campagne di scavo unitamente all’effettuazione di significativi recuperi. E’ stato così possibile accertare, in maniera scientifica, la presenza a Camerano di insediamenti preistorici di età neolitica in contrada S. Giovanni e dell’età del Bronzo nell’area dell’abitato moderno, precisamente in viale Ceci, via della Repubblica e in località Fontevecchia. Nella predetta località di S. Giovanni sono state messe in luce, sempre nell’area dell’abitato neolitico, sepolture eneolitiche, risalenti alla metà del IV millennio, un’estesa necropoli picena, con tombe ad inumazione in fosse terragne databili dagli inizi del V al IV-III secolo a.C., e una tomba di epoca medievale.

Orario

Venerdì, sabato e domenica  8.30 - 19.30

Biglietti

INGRESSO GRATUITO

Ufficio stampa

Antiquarium Statale di Numana
tel. 071/9331162

Contatti

Indirizzo

via San Francesco