Archeologia per il sociale. L'archeologia come strumento di riabilitazione per persone con disabilità cognitivo-comportamentale

Archeologia per il sociale
Genere
Tematico
Data inizio
03/12/2011
Data fine
15/01/2012
Luogo
Rieti
Sede
Museo Civico - Sezione Archeologica

Progetto scientifico

Secondo la definizione dell’OMS la condizione di disabilità viene definita alla luce della complessa relazione tra lo stato psicofisico di un individuo e il contesto ambientale e sociale all’interno del quale il soggetto si trova inserito.
Nel lavoro riabilitativo con adolescenti affetti da disabilità cognitiva, le variabili di contesto assumono un ruolo particolarmente rilevante, essendo questo il momento in cui la relazione con il mondo esterno ed
il confronto con il gruppo dei pari, diventa un elemento centrale per l’avvio di quei processi di separazione-individuazione necessari alla “costruzione” della propria identità personale e sociale.
In questa fase evolutiva, dunque, diventano prioritari, all’interno di una progettualità riabilitativa, interventi che prevedano l’acquisizione di competenze “esportabili” in ambito sociale e di abilità che favoriscano e sostengano l’adattamento psico-sociale.
Il convegno si propone di fornire una descrizione metodologica ed esperenziale del laboratorio di Archeologia portato avanti, in questi anni, all’interno dell’ambulatorio dell’Età Evolutiva del Centro Tangram e inserito all’interno di una progettualità europea che ha permesso un ricco confronto tra realtà riabilitative e socio-culturali diverse.

Chairman

Monica Santacroce
Neuropsichiatra Infantile, Responsabile modulo adolescenti Centro riabilitativo Tangram

Relatori

Carmine D’Anzica
Psicologo, psicoterapeuta Centro Riabilitativo Tangram

Barbara De Propris
Restauratrice di materiale archeologico

Dario Scarpati
Archeologo, Responsabile tecnico scientifico Centro studi per il Territorio “E. Nardi”

Contatti

Indirizzo

vicolo S. Anna 4

Telefono

+39.0746488530

Email
museocivico@comune.rieti.it