Voghiera (FE). Fornace romana

Voghiera_Fig. 2 — Panoramica del Saggio di scavo da S
Tipologia bene scavato
Luogo di attività produttiva - Fornace
Regione / Stato estero
Emilia-Romagna
Provincia
Ferrara
Comune
Voghiera
Localizzazione specifica
Ponte delle Guardate
Istituto-ufficio competente
Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna
Tipologia scavo
Concessione
Anno campagna di scavo
2011
Responsabile di cantiere
Giovanna Bucci
Responsabile scientifico
Valentino Nizzo
Datazione bene scavato: DA
199 a.C. - 476 d.C.
Datazione bene scavato: A
477 d.C. - 1492

Descrizione campagne

Realizzato nell'ambito del progetto europeo Programma per la Cooperazione transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, Prog. Strategici n.01/2009, Progetto Parco Archeologico dell’Alto Adriatico, Partner di Prog. N4: Comune di Voghiera 201C L 2019Officina Latert

L’area di intervento venne dichiarata “di importante interesse archeologico, ai sensi degli art. 1 e 3 della legge 1 giugno 1939, n. 1089”, a seguito di sopralluoghi e segnalazioni della Soprintendenza nel 1999 per il rinvenimento di materiali appartenenti a una fornace romana (fig. 1).

Fig. 1 – Panoramica dell’area

Grazie alla realizzazione del Progetto europeo, nel 2011 sono stati programmati scavi archeologici volti a definire l’entità dei rinvenimenti (fig. 2).

Fig. 2 – Panoramica del Saggio di scavo da S

Le indagini effettuate mediante trincee esplorative hanno messo in luce tracce di spoliazione di strutture in laterizi presso un paleodosso fluviale relativo al Sandalo attivo nel periodo romano.

Un lacerto di spoliazione muraria e una grande buca riempita di concotto, laterizi sciolti, tegole, mattoni, coppi si trovano accanto ad un antico margine spondale fluviale. I materiali provengono da spoliazione / demolizione di una struttura in laterizi relativa a una fornace (II-VI sec. d.C. [?]) cui appartengono certamente frammenti di un piano di cottura molto spesso dotato di fori (figg. 3-4).

Fig. 3 – Dettaglio dell’area in corso di scavo

Fig. 4 – Dettaglio dell’area in corso di scavo

Scavo finanziato da Progetto europeo

Giovanna Bucci