Serri (CA). Scavi nel santuario nuragico di Santa Vittoria di Serri

Serri_Il Pozzo
Tipologia bene scavato
Struttura abitativa - capanne
Regione / Stato estero
Sardegna
Provincia
Cagliari
Comune
Serri
Localizzazione specifica
Santa Vittoria di Serri
Coordinate geografiche
N:39.713596; E: 9.107125
Istituto-ufficio competente
Soprintendenza per i Beni Archeologici per le province di Sassari e Nuoro
Tipologia scavo
Conduzione diretta
Tipologia finanziamento
Comunale e Fondi della Comunità Montana Sarcidano-Barbagia di Seulo
Entità finanziamento
Euro 14.460,00
Anno campagna di scavo
2011
Responsabile di cantiere
Paola Mancini
Responsabile scientifico
Antonio Sanciu
Datazione bene scavato: DA
Fino al 900 a.C.
Datazione bene scavato: A
899 a.C. - 200 a.C.

Descrizione campagne

Il santuario nuragico di Santa Vittoria di Serri si trova a quota 620 m s.l.m. sulla omonima Giara.

Serri. Area di scavo

Si estende per più di venti ettari e comprende una serie di strutture insediative e cultuali, scavate solo in parte. Diversi studi e ricerche sono stati compiuti nell'area, a partire da Antonio Taramelli che vi ha condotto diverse campagne di scavo tra il 1907 e il 1929, per proseguire con Giovanni Lilliu ed Ercole Contu e, nell'ultimo trentennio, la Soprintendenza per i Beni Archeologici per le province di Sassari e Nuoro.

Serri. Il Pozzo

Le indagini eseguite hanno messo in evidenza l'importanza del luogo di culto, che, per le sue caratteristiche e dimensioni, è stato riconosciuto come un punto di riferimento religioso, a carattere federale, per le comunità del territorio. Il posto è stato abitato, senza soluzione di continuità, per tutta l'età nuragica; al Bronzo medio, infatti, si data la costruzione di un nuraghe a corridoio mentre al Bronzo finale - primo Ferro risale la costruzione del grande santuario, costituito, tra gli altri, da diverse capanne, un tempio a pozzo e un grande recinto sacro. L'area, inoltre, è stata frequentata anche in età romana e, infine, in età Bizantina, quando è stata edificata la chiesetta dedicata a Santa Vittoria che ha dato il nome al sito.

La zona sinora indagata può essere suddivisa in due parti: a ovest l'area cultuale e a est quella abitativa.  Nella prima sono presenti diversi ambienti protetti da una fortificazione in muratura nella quale si apre un ingresso, custodito da una capanna, che consente l'accesso all'area sacra; a nord, all'estremità della muraglia, è ubicata, poi, la cosiddetta capanna del capo. All'interno si trovano, invece, il nuraghe a corridoio e la chiesa di Santa Vittoria, il tempio a pozzo, racchiuso da un recinto ellittico, diverse capanne e, al centro, l'ampio recinto delle feste, in origine dotato di un porticato, come confermano i resti dei pilastri che sostenevano la copertura; l'andamento della muratura è spesso interrotto dalla presenza di vani che si aprono sullo spazio interno.
Nella parte posta a est, infine, sono state esplorate varie capanne, per lo più, unite a formare degli isolati, ovvero dei gruppi di ambienti tenuti insieme da una muratura e disposti attorno a uno spazio centrale. La campagna 2011 si è concentrata in una zona non ancora indagata, posta a nord-est della cosiddetta Curia, una grande capanna circolare interpretata come luogo destinato alle riunioni della comunità. Sono stati scavati alcuni ambienti, due dei quali aperti su uno spazio comune; si tratta di strutture piuttosto complesse con articolazioni e partizioni interne che attestano differenti usi e funzioni. Lo studio dei materiali e del contesto, ancora in corso, sta rivelando interessanti spunti per la comprensione della frequentazione del sito nelle fasi finali dell'età nuragica.
 
 
 
Paola Mancini

Bibliografia / Cartografia

  • A. TARAMELLI, Nuove ricerche nel santuario nuragico di Santa Vittoria di Serri, Monumenti Antichi dei Lincei, 34, 1931.
  • M.G. PUDDU, Santuario federale nuragico: scavi nella zona occidentale: Serri - Nuoro, Loc. Santa Vittoria, in Bollettino di archeologia, nn. 13-15, 1992, pp. 187-197.
  • R. ZUCCA, Il santuario nuragico di S. Vittoria di Serri, Sardegna archeologica. Guide e Itinerari, 7, Sassari 1988.
  • P. MANCINI, Santa Vittoria di Serri 2011, in www.fastionline.org.

Link esterno

http://www.fastionline.org/micro_view.php?)item_key=fst_cd&fst_cd=AIAC_2718