Modugno (BA). Insediamento fortificato in località Balsignano

Modugno_Balsignano. Un tratto del circuito murario messo in luce nello scavo 2011
Tipologia bene scavato
Insediamento - Insediamento fortificato
Regione / Stato estero
Puglia
Provincia
Bari
Comune
Modugno
Localizzazione specifica
Balsignano
Coordinate geografiche
41°47’55.026”N 16°47’46.988”E
Istituto-ufficio competente
Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia
Tipologia scavo
Conduzione diretta in applicazione L.163/2006 e procedure analoghe
Tipologia finanziamento
Fondi P.O. FESR 2007-2013
Entità finanziamento
Euro 1.400.000,00
Anno campagna di scavo
2011
Responsabile di cantiere
M. Cioce
Responsabile scientifico
E. Pellegrino (Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggio delle Province di Bari e Foggia), M.R. Depalo (Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia)
Datazione bene scavato: DA
477 d.C. - 1492
Datazione bene scavato: A

Descrizione campagne

Il complesso di Balsignano (fig. 1), sito nell’omonima località del territorio comunale di Modugno (BA) costituisce una rara testimonianza degli insediamenti fortificati che in età medievale caratterizzavano il paesaggio rurale della Terra di Bari.

Modugno_Balsignano. Rilievo topografico del sito (da Castagnolo 2006)

Fig. 1. Rilievo topografico del sito (da Castagnolo 2006)

Il complesso sorge in un sito di notevole bellezza, in posizione dominante sul ciglio della lama Balsignano. diramazione della lama Lamasinata, a ridosso di un quadrivio formato da due importanti direttrici viarie, di antica origine: quella che da Bitonto, staccandosi dall’antico tracciato della via Traiana e passando da Modugno, prosegue in direzione di Bitritto verso Taranto e quella che da Bari sale verso l'interno murgiano.
Dell’insediamento sono superstiti oltre alle due cinte murarie- una esterna che lo perimetra interamente e una interna che ne racchiude il nucleo centrale-, la chiesa di S. Maria , il Castello e la chiesa di S. Felice. Quest’ultima ( fig. 2), periferica rispetto al nucleo centrale, rappresenta uno dei più mirabili esempi di architettura a cupola pugliese del XIII secolo.

Modugno_Balsignano. La chiesa di S. Felice.

Fig. 2. La chiesa di S. Felice.

Il complesso versava in totale abbandono, quando nel 1989 furono avviati, da parte della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio, interventi di consolidamento strutturale e restauro che, reiterati nel corso degli anni anche con il concorso del Comune divenuto proprietario, hanno consentito di sottrarre il complesso al degrado.
Contestuale ai vari interventi di recupero che negli anni hanno interessato i diversi settori del casale, l’indagine di scavo diretta dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici  ha conseguito esiti  di  notevole interesse, sostanziando di dati materiali le scarne indicazioni delle fonti scritte e consentendo, unitamente alla lettura stratigrafica degli elevati murari,  di delineare le diverse fasi di vita dell’insediamento.
Strutture superstiti della fase altomedievale, indiziata da alcuni documenti del X secolo, sono state individuate in corrispondenza delle due chiese, rivelando l’esistenza di edifici di culto antecedenti a quelli visibili in elevato, questi ultimi testimonianza, nella sequenza dei palinsesti murari, della lunga vicenda insediativa del casale. Anche il Castello racchiude nel deposito archeologico sigillato dai piani pavimentali e solo parzialmente esplorato, testimonianze della più antica fase di vita dell’insediamento, già all’epoca probabilmente dotato di una struttura difensiva.
Se gli interventi effettuati nel 1989, nel 1991 e negli anni 2003-2005 hanno interessato le aree interne e a ridosso delle due chiese e del castello,  le indagini di scavo effettuate nel 2011 si sono concentrate sulla cinta muraria esterna dell'insediamento, datata ad età bassomedievale, che si sviluppa per un perimetro complessivo di circa 550 m, evidenziandone interamente il percorso. In corrispondenza delle lacune presenti nell’elevato di ca. m 3,50 del circuito, sono stati infatti messi in luce, a livello di fondazione, sia il poderoso muro perimetrale (fig. 3) sia altre due torri che si aggiungono alle cinque già visibili.

Modugno_Balsignano. Un tratto del circuito murario messo in luce nello scavo 2011

Fig. 3. Un tratto del circuito murario messo in luce nello scavo 2011.

A conclusione dell’intervento di scavo e di restauro in corso, l’area sarà resa fruibile attraverso un sistema di percorsi interni di cui il più panoramico si svolgerà lungo il lato interno delle mura e consentirà di percorrerne l’intero perimetro.

Maria Rosaria Depalo

Bibliografia / Cartografia

  • V. CASTAGNOLO, Il casale di Balsignano. Ricostruzione delle fasi cronologiche attraverso il rilievo e la lettura stratigrafica degli elevati, in Taras XXVI, 2006, pp. 65-86.
  • M.R. DEPALO, Modugno (Bari), Balsignano, in Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia. Notiziario delle attività di tutela. Gennaio 2004-Dicembre 2005, n.s. I, 2010, 1-2, pp. 252-253.
  • E. PELLEGRINO, M. TRIGGIANI, M.R. DEPALO, M. CIOCE, Un villaggio medievale scomparso in Terra di Bari: l'insediamento fortificato di Balsignano, c.s.
  • M. TRIGGIANI, Insediamenti rurali nel territorio a nord di Bari. Repertorio dei siti e delle emergenze architettoniche, Bari 2008.