Giornate di studio e di approfondimento sui problemi legati all’organizzazione di esposizioni temporanee in ambito archeologico

02/03/2012

Lazio

Anzio. La Sala Consiliare del Comune in Villa Corsini Sarsina durante una giornata del corso

La Direzione Generale per le Antichità, d’intesa con la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e con la Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio e su proposta del Museo Civico Archeologico di Anzio, ha organizzato le “Giornate di studio e di approfondimento sui problemi legati all’organizzazione di esposizioni temporanee in ambito archeologico”. L’iniziativa è destinata, in questa prima fase, ai Direttori e ai Responsabili dei Musei Civici del Lazio, con l’obiettivo di facilitarli sulle prassi da seguire nella materia, una tematica di rilievo ai fini della conoscenza e della fruizione del patrimonio storico artistico nazionale, come inquadrato nella relazione introduttiva da Anna Maria Dolciotti e Claudia Scardazza.

Saranno affrontati gli adempimenti connessi alla movimentazione delle opere di interesse archeologico, in particolare la procedura di autorizzazione per mostre ed esposizioni di beni archeologici in Italia e all’estero, che viene rilasciata dalla Direzione Generale.

Si tratta di quattro giornate, ospitate dal Comune di Anzio nelle sedi del Museo Civico Archeologico (3, 9 e 30 marzo) e della nuova Sala Consiliare in Villa Corsini Sarsina (23 marzo), che serviranno a promuovere un approccio alla procedura corretto e semplificato, all’interno di una visione della problematica che sia unitaria tanto dal punto di vista territoriale quanto da quello dei vari livelli istituzionali coinvolti.

Documenti da scaricare