La tomba del Boschetto di Grottaferrata al Museo Pigorini

Roma, Museo Nazionale Preistorico Etnografico "L. Pigorini", Sala Conferenze - Soprintendenza al Museo Nazionale Preistorico ed Etnografico "Luigi Pigorini"

16 dicembre 2014 - Convegno

Roma, Pigorini, veduta dello scalone interno

La località Boschetto, ancora ricordata dal nome di una via di Grottaferrata prossima a Squarciarelli, è nota nella protostoria del Lazio perché nel 1900 vi fu trovata una tomba a cremazione i cui materiali sono conservati al Museo Nazionale Preistorico Etnografico “Luigi Pigorini”.

 

Mentre i sei piccoli vasi che accompagnavano il defunto e denotavano i suoi dati personali secondo un codice ancora poco noto, sono in buono stato, così come il coperchio dell’urna cineraria, di quest’ultima, forse rotta al momento della scoperta, rimane solo un frammento. L’esposizione museale non ha mai incluso la restituzione della forma originaria dell’urna, che certamente può valorizzare il contesto e segnalare una propensione a farsi capire dal pubblico. La ricostruzione grafica, insieme a un recente illuminante ritrovamento consentono di ricostruire in modo attendibile l’aspetto originale dell’oggetto. Raika Cannone ha ora riprodotto l’urna nel suo laboratorio di ceramista e ha donato il vaso al Museo.

Dopo una breve illustrazione del ritrovamento di Boschetto nel contesto dei Colli Albani, rivolta al pubblico non specializzato, con una piccola cerimonia l’urna ricostruita verrà esposta nella vetrina. Sarà anche un’occasione per ricordare Renato Peroni, un protagonista degli studi di protostoria italiana, di cui il 16 dicembre ricorre il dies natalis.

 

Programma

 

17:00  Francesco di Gennaro: Boschetto e le tombe del Bronzo Finale nel Lazio

 

17:30  Raika Cannone: Riproduzione dell'urna cineraria della tomba di Boschetto

 

17:45  Discussione

 

18:00  Messa in opera dell'urna ricostruita nella vetrina