Il principe delle sfingi. Etruria e Macedonia grandi dinastie. Inaugurazione della sezione museale di Greppe Sant’Angelo al Museo di Cerveteri

Cerveteri (RM), Museo Nazionale Cerite - Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Etruria meridionale

20 settembre 2014 - Inaugurazione

Greppe Sant’Angelo

In occasione della Giornata Europea del Patrimonio 2014  promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Sabato 20 settembre, alle 11:00 al Museo Nazionale Cerite verrà inaugurata la sezione dedicata a Greppe Sant’Angelo.

Nel settembre del 1974 iniziò l’ avventura in un sito straordinario di Cerveteri, Greppe Sant’Angelo. Venne portata alla luce una necropoli di grande suggestione affine alle monumentali  costruzioni funerarie della Grecia antica e, in particolare, della Macedonia del IV secolo a.C.

Dopo 40 anni, in occasione della “Giornata Europea del Patrimonio” del 20 settembre, la Soprintendenza per i Beni archeologici dell’Etruria Meridionale inaugura nel Museo nazionale Cerite un settore dedicato alle scoperte di Greppe Sant’Angelo.

L’eccezionalità dei materiali quali il Caronte, i leoni e le sfingi ripropongono il progetto iconografico delle grandi aristocrazie etrusche, finalizzato all’esaltazione della potenza e della ricchezza. Il complesso di Greppe Sant’Angelo è un unicum in Italia e, nel suo rapporto con la facciata della tomba di Amphipolis, apre scenari inediti sulla nostra visione, ormai consolidata, dell’Etruria di IV secolo a.C. E’ possibile ipotizzare un trasferimento di maestranze dalla Macedonia a Cerveteri? Questo rapporto così solido con l’Oriente è, in quest’epoca, diretto oppure mediato da Roma, la cui ombra già si allungava, minacciosa, sulla terra etrusca? E, infine, può questa scoperta spingerci a rivedere il quadro di declino e decadenza che si attribuisce all’Etruria di questi anni difficili?

 

 

Ufficio per la comunicazione, ufficio stampa e ufficio per le relazioni esterne

Soprintendenza per i Beni archeologici dell'Etruria meridionale

Piazzale di Villa Giulia, 9 - 00196 Roma 

tel. 06.3226571  fax 06.3202010