ArcheoloGite Bolognesi 2014. Storie di famiglia, tra pubblico e privato, nell'antichità

Vari musei e luoghi della provincia di Bologna - Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna e Provincia di Bologna - Servizio Cultura e Pari Opportunità

dal 2 aprile al 22 giugno 2014 - Programma di attività

Archeologite 2014

Settima edizione delle ArcheoloGITE BOLOGNESI, la festa primaverile dei musei e siti archeologici del territorio che in questo 2014, designato dalle Nazioni Unite Anno Internazionale dell'Agricoltura Familiare, è dedicata al tema Storie di famiglia: tra pubblico e privato nell'antichità.

Da giovedì 3 aprile a domenica 22 giugno, 12 musei e 3 siti archeologici, insieme a tanti altri luoghi della cultura, daranno vita a visite guidate, laboratori, conferenze, percorsi che condurranno grandi e bambini alla scoperta del vissuto personale e della quotidianità dei nostri antenati, e dei riflessi dell'organizzazione familiare e sociale sulla vita pubblica. La conquista del fuoco e il suo impatto sull'evoluzione dell'uomo, della sua psiche, della socialità; il ruolo della solidarietà sociale e famigliare nella realizzazione delle grandi operazioni collettive e organizzate di insediamento e ”conquista” del territorio; la stratificazione sociale e la vita quotidiana con i suoi giochi, l'abbigliamento, i segni del prestigio, i ruoli di genere e l'onomastica: attraverso questi temi, l'indagine archeologica si conferma come strumento di conoscenza non solo del passato, ma anche del nostro presente.

Secondo una formula ormai consolidata, e di grande successo, le ArcheoloGITE 2014 propongono al pubblico:
- la conferenza inaugurale del Soprintendente archeologo Marco Edoardo Minoja, dedicata quest'anno a “Dai Clan alle Gentes. Le famiglie aristocratiche nell'evoluzione della società etrusca” (3 aprile ore 17 presso il Museo Archeologico di Bologna)
- una ricca rassegna di iniziative nei musei e nei siti archeologici: prima tappa sulla famiglia nell’antico Egitto al museo di Bologna, per proseguire con gli incontri dedicati alla scoperta del fuoco (museo della Preistoria di San Lazzaro) e a vita quotidiana e struttura familiare e sociale negli insediamenti terramaricoli dell’età del Bronzo (musei archeologici di Budrio e Anzola, conferenza a Bologna); con un salto di quasi mille anni, le stele orientalizzanti di Castenaso raccontano abbigliamento privato e armamento militare dei Villanoviani. I primi veri protagonisti di storie individuali emergono finalmente alla ribalta a Marzabotto: gli etruschi di Kainua, che si presentano con i loro nomi, socialmente connotati dal gentilizio, incisi nelle iscrizioni onomastiche; ancora, sono donne di rango elevato e guerrieri – celti ed etruschi, uniti spesso in matrimoni “misti” - i personaggi richiamati in vita dalle iscrizioni di Monte Bibele a Monterenzio. In epoca romana, emergono ruoli pubblici e quotidianità famigliare degli abitanti di una vera e propria città, l'antica Claterna di Ozzano, e di una villa rustica nell'insediamento produttivo di Calderara di Reno. Attraversano i secoli i segni della stratificazione sociale e del profondo rapporto tra individuo e società: il gioco con i suoi insospettabili risvolti educativi, bellici e religiosi - dall'epoca romana al nostro passato più recente – a Medicina e a Valsamoggia/Bazzano e Castello di Serravalle; i segni del prestigio nelle ricche mense imbandite dagli abitanti della Rocca sforzesca di Imola nel medioevo e nel rinascimento; l'alimentazione, le feste e le cerimonie delle stesse epoche a San Giovanni in Persiceto. Simobolo di una secolare permanenza dei modelli relazionali è il focolare della famiglia contadina al museo di San Marino di Bentivoglio, il regno dell'arzdaura al centro di quella particolare struttura sociale che nel territorio bolognese avrebbe avuto importanti riflessi fino ai nostri giorni. Infine, un inedito itinerario per le strade di Bologna condurrà alla ricerca dei nomi delle sue famiglie più illustri che hanno battezzato palazzi, vie e piazze, scandendo con le loro vicende i caratteri e le fortune dell’intera città.


La rassegna è promossa da Provincia di Bologna - Servizio Cultura e Pari Opportunità e Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia Romagna, nell'ambito delle attività dei Distretti Culturali territoriali, con il sostegno di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e Unipol, grazie a una ormai consolidata collaborazione con i Comuni, i musei, l’Università, le associazioni archeologiche e le Pro Loco del territorio, il Comitato provinciale UNPLI Unione Nazionale Pro Loco d'Italia.

 

CALENDARIO

APRILE

Giovedì 3 Bologna, Museo Civico Archeologico: conferenza inaugurale del Soprintendente per i Beni Archeologici dell’Emilia Romagna, Marco Edoardo Minoja, Dai Clan alle Gentes. Le famiglie aristocratiche nell'evoluzione della società etrusca.

Domenica 6 Bologna, Museo Civico Archeologico: visita guidata Uniti per sempre. La famiglia nell’Antico Egitto.

Domenica 13 San Lazzaro di Savena, Museo della Preistoria “L. Donini”: conferenza ...e fu il fuoco, il linguaggio, la nostra Storia. Genesi della socialità e della Psiche in Homo sapiens.

MAGGIO

Domenica 4 Medicina, Museo Civico: visite guidate e laboratori per bambini Società antica a Medicina: la casa, i giochi, la vita.

Giovedì 8 Anzola dell'Emilia, MAA-Museo Archeologico Ambientale: conferenza e visita guidata La vita quotidiana ai tempi delle Terramare.

Domenica 11 Budrio, Museo Archeologico “E. Silvestri”: visita guidata Il ruolo dell’uomo e della donna nella comunità e nella vita quotidiana nell’età del Bronzo.

Martedì 13 Bologna, Centro Sociale “G. Costa”: conferenza Famiglia e società nella cultura delle terramare.

Giovedì 15 Calderara di Reno, MAA-Museo Archeologico Ambientale: conferenza e visita guidata La famiglia nel mondo romano: esempi dal territorio calderarese e bolognese.

Sabato 17 Valsamoggia | Castello di Serravalle, Ecomuseo della Collina e del Vino: visita, giochi di strada e merenda medievale nelle vie del borgo Giochi di strada per grandi e piccini: come si giocava nel Medioevo e fino a 50 anni fa.

Domenica 18 Bologna, percorso guidato in città Strade, case e palazzi: la famiglia nella Bologna antica.

Monterenzio, MAM – Museo Archeologico “L. Fantini”: una giornata di visite e iniziative in occasione dell'inaugurazione dell'area archeologico- naturalistica di Monte Bibele e del 50o anniversario delle prime scoperte “Io sono Fulu, figlio di Fulu”: i guerrieri di Monterenzio raccontano...

Valsamoggia | Bazzano, Museo Archeologico “A. Crespellani”: conferenza e laboratorio per bambini con merenda per tutti Giochiamo come gli antichi romani.

Giovedì 22 San Giovanni in Persiceto, MAA-Museo Archeologico Ambientale: conferenza e visita guidata Famiglia e società nella Bologna medievale e rinascimentale.

Sabato 24 Imola, Rocca Sforzesca, visita guidata Alla mensa del capitano

Domenica 25 Castenaso, MuV - Museo della Civiltà Villanoviana: visita guidata e laboratorio per ragazzi Vesti l’Etrusco! Scopriamo insieme l’antico guerriero.

GIUGNO

Domenica 15 Ozzano dell’Emilia, Museo della città romana di Claterna: visita guidata al Museo e all’area archeologica della città romana di Claterna Nel pubblico e nel privato. Famiglia e società in una città romana.

San Marino di Bentivoglio, Villa Smeraldi Museo della Civiltà Contadina: visita-laboratorio L’arzdaura e la famiglia contadina. Dal fuoco al focolare: piccola storia della socialità nel quotidiano.

Domenica 22 Marzabotto, Museo Nazionale Etrusco “P. Aria”: visite guidate al Museo e all’area archeologica, esperienze didattiche di scrittura etrusca, rappresentazione storica, merenda e brindisi “etruschi” Una giornata con gli Etruschi di Marzabotto: la vita privata.

www.provincia.bologna.it/cultura/archeologite; www.archeobologna.beniculturali.it