Otricoli Antica città di Ocriculum. Grandi sostruzioni

FOTO_POST_OPERAM-5-1
Tipologia bene restaurato
Infrastruttura di consolidamento - Sostruzione
Regione
Umbria
Provincia
Terni
Comune
Otricoli
Localizzazione specifica
Area archeologica di Otricoli
Nome antico del sito
Ocriculum
Istituto-Ufficio competente
Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Umbria
Tipologia intervento
Restauro
Tipologia finanziamento
Fondi ordinari Ministero
Entità finanziamento
Euro 73.342,00
Anno/i campagna/e di restauro
2015
Responsabile di cantiere
Spartaco Capannelli, Ettore Muti
Responsabile scientifico
Luana Cenciaioli
Datazione bene restaurato: DA
199 a.C. - 476 d.C.
Datazione bene restaurato: A
199 a.C. - 476 d.C.

Descrizione

Il manufatto su cui si è intervenuto è costituito da un doppio ordine di tredici ambienti coperti con volte a botte.

Lo stato di degrado delle murature dei fornici 7a e 8a ha evidenziato una perdita di consistenza nella parte a vista. Un setto presenta infatti una lesione principale passante che ha inizio dalla sommità e termina ad una altezza di circa un metro dal piano di campagna. Tale  situazione ha reso necessaria la puntellazione su entrambi i lati della muratura per impedire il crollo di parte del setto murario, di fatto isolato dal resto della costruzione. Era dunque urgente intervenire sul paramento per migliorarne le condizioni statiche e scongiurare cedimenti della struttura.  

Intervenire sul setto murario risponde anche al criterio di dare continuità agli interventi di consolidamento già realizzati nel passato nelle murature adiacenti.

Gli interventi realizzati hanno pertanto riguardato:

- eliminazioni delle essenze infestanti e pulizia di tutte le murature;

- ricognizione delle principali lesioni che interessavano la struttura;

- esecuzione di un sistema di frettaggio provvisorio della parte di muratura instabile eseguita con tre livelli di cerchiatura con funi di acciaio;

- esecuzione di carotaggi per una lunghezza tale da superare le lesioni verticali e/o sub verticali che interessano la struttura;

- inserimento nelle perforazioni di barre di acciaio Diwydag;

- iniezioni con miscela di calce idraulica addittivata con agente antiritiro;

- posizionamento di testate di ancoraggio per barre Diwydag;

- tesatura delle barre fino al raggiungimento di una tensione indotta dell'ordine del 30% del carico massimo ammissibile;

- microchiodature con inserimento di barre di acciaio inox inserite in perfori di piccolo diametro ed iniettate con idonea miscela di calce.

Gli interventi di restauro e consolidamento sono stati finalizzati al raggiungimento di un adeguato livello di sicurezza, che garantisce l'arresto dei processi di degrado con la ricostruzione di uno schema statico solido.

FOTO_POST_OPERAM-1

FOTO_POST_OPERAM-2
FOTO_POST_OPERAM-3FOTO_POST_OPERAM-5-1