Capaccio (SA). Paestum. Necropoli di Spina Gaudo. Tomba n. 412/2010. Hydria a figure rosse

Paestum_hydria_3
Tipologia bene restaurato
Strumenti, utensili e oggetti d'uso - Contenitori e recipienti - - Hydria
Regione
Campania
Provincia
Salerno
Comune
Capaccio-Paestum
Localizzazione specifica
Museo Archeologico Nazionale di Paestum - Deposito
Coordinate geografiche
Lat. 40° 25' 50,74" Lon. 15° 00' 18,48" (coordinate della tomba)
Istituto-Ufficio competente
Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno, Avellino Benevento e Caserta
Tipologia intervento
Restauro
Anno/i campagna/e di restauro
2010
Responsabile di cantiere
Pietro Stasi; operatori: Pietro Stasi, M. Palia Voza, Raffaele Cantiello, Franco Calceglia e Francesco Marino
Responsabile scientifico
Marina Cipriani
Datazione bene restaurato: DA
899 a.C. - 200 a.C.
Datazione bene restaurato: A

Descrizione

Hydria a figure rosse.

Misure: alt. cm 28, diam. cm 18

Descrizione: figura femminile panneggiata con tirso nella mano destra e specchio nella sinistra rivolta a sinistra verso giovane nudo in corsa verso sinistra con mano destra rivolta alla figura femminile e tirso nella sinistra; clamide su braccio sinistro. Sotto l’ansa verticale, palmetta fra girali sotto le anse orizzontali girali. Alla base del collo, tralcio di alloro.

Stato di conservazione al momento del rinvenimento: integra ma coperta da incrostazioni molto resistenti al distacco dalle pareti (fig.1).

Paestum (SA). Hydria a figure rosse_1

Fig. 1 – Hydria a figure rosse prima del restauro

Intervento di restauro: asportazione di incrostazione calcarea con mezzi meccanici (bisturi, trapanino ecc.) e chimici (acqua distillata, miscele di Sali solubili e di impacchi cellulosa). (figg.2-3)

Paestum_hydria_2

Paestum_hydria_3

Figg. 2-3 – Hydria a figure rosse dopo il restauro

Consolidamento: i frammenti sono stati trattati con resine acriliche (paraloid B72) disciolte in solvente a concentrazione del 5%.