Gallicano nel Lazio (RM). Ponte Amato e Via Praenestina

Ponte Amato_Gallicano nel Lazio, Ponte Amato e la Via Praenestina
Site typology
Infrastruttura viaria
Region / State
Lazio
Province
Roma
Municipality
Gallicano nel Lazio
Exact location
Ponte Amato
Competent institute-office
Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio
Excavation typology
Conduzione diretta
Funding type
Regione Lazio e Comunità Montana Castelli Romani e Prenestini
Funding extent
Euro 150.000,00
Year of excavation
2009-2010
Site supervisor
Zaccaria Mari
Scientific responsible
Zaccaria Mari
Dating from
199 a.C. - 476 d.C.
Dating to

Description

Nel 2008-2010 sono stati effettuati importanti lavori di scavo e ripulitura sulla Via Praenestina antica, che per circa 7 km, nel Comune di Gallicano, conserva quasi interamente il basolato. La strada, diretta a Praeneste (Palestrina), usciva, com'è noto, dalla Porta Maggiore delle Mura Aureliane, transitava per la città di Gabii, quindi entrava nell'Ager Praenestinus, ove mostra l'aspetto che le conferì nel II-I sec. a.C. una radicale ristrutturazione tesa a migliorarne l'efficienza con la costruzione di rettifili e opere atte a ridurre i dislivelli (ponti, viadotti, tagliate, sostruzioni). Superata la suggestiva Tagliata di S. Maria di Cavamonte (anch'essa oggetto di intervento che sarà illustrato in futuro), ove, accanto al tracciato antico, corre la Statale moderna, la via supera il fosso Scalelle con il Ponte Amato (circa al XVIII miglio), costituito da un'arcata a tutto sesto in opus quadratum di tufo, larga m 7 e alta 10, compresa fra due massicce spalle. Fortificato forse nel X secolo dal conte Amato di Segni (da cui il nome), è databile fra la seconda metà del II sec. a.C. e la metà del I sec. d.C. (figg. 1-2).

 Gallicano nel Lazio, Ponte Amato: particolare del lato N

La carreggiata, larga m 5,30, conserva sul ponte parte del basolato, rimasto sempre visibile, mentre il prosieguo della strada, fino al 2008 completamente interrato, è stato riportato alla luce per circa 150 m (fig. 3).

 Gallicano nel Lazio, La Via Praenestina ad E di Ponte Amato dopo lo scavo

Dopo il ponte devia a destra, correndo su un viadotto che forma un angolo ottuso, quindi procede rettilinea e in lieve salita. Il basolato, largo m 4,10, in lastroni di pietra lavica rincalzati agli angoli con zeppe, presenta solchi dovuti alle ruote dei carri, che hanno qui transitato fino agli inizi del Novecento. I margini laterali sono formati, come di consueto, da pietre confitte di taglio, intervallate a distanze irregolari da elementi più grandi con la sommità tondeggiante. Sul lato destro è un marciapiede, delimitato dalla sostruzione in opus quadratum che mantiene la strada leggermente rilevata e sulla quale si imposta il muro di cinta della tenuta di S. Pastore (fig. 4).

 Gallicano nel Lazio, Ponte Amato e la Via Praenestina dopo lo scavo

Sul lato opposto affiorano alcuni "ingressi" delimitati da blocchi di tufo che potrebbero corrispondere a sepolcri o taberne. Il tratto percorribile termina all'altezza di un cancello della tenuta, oltre il quale però il lastricato prosegue fino ad intersecare la Prenestina Nuova davanti alla settecentesca villa di S. Pastore.

Zaccaria Mari

 

Il Parco archeologico "Ponte Amato e Via Praenestina antica", inaugurato nel 2009, è dotato di un punto-sosta attrezzato, dal quale ha inizio l'itinerario di visita alla Tagliata di S. Maria di Cavamonte e ai principali luoghi di interesse storico-archeologico del territorio, fra cui, in primo luogo, i ponti degli acquedotti Aqua Marcia, Aqua Claudia e Anio novus.

Bibliography / Cartography

  • Z. Mari, Guida al paesaggio antico di Gallicano nel Lazio, Pescara 2008, pp. 12-16.
  • Z. Mari, Interventi di tutela e recupero nel territorio di Gallicano nel Lazio (Roma), in G. Ghini (cur.), Lazio e Sabina 6, Atti del Convegno "Sesto Incontro di Studi sul Lazio e la Sabina (Roma 4-6 marzo 2009), Roma 2010, pp. 355-358.
Cartografia
  • F. 150, Colonna, I S.O.